skip to Main Content

Dal frutto dal succo: la sfida di Claudio Scotto in Sierra Leone


Claudio è un mix di mondi apparentemente inconciliabili: padre napoletano, madre svizzera tedesca. Vive a Londra da anni dove ha conosciuto la moglie, originaria della Sierra Leone. Nel 2010 ha realizzato un’impresa apparentemente impossibile: ha avviato Africa Felix Juice, la prima azienda di trasformazione della frutta in succo concentrato per l’esportazione.

Nonostante la sua avventura imprenditoriale abbia un finale “agrodolce”, ci tengo a rimarcare la mia stima per la sua incredibile determinazione. Ad oggi Africa Felix Juice ha 40 dipendenti e fornisce uno sbocco alla produzione per oltre 4.000 contadini.

La sua storia è talmente coraggiosa da essere stata coperta dalla CNN e aver suscitato l’interesse di una visita da parte dell’ex premier britannico Tony Blair. Claudio detiene il record di aver esportato il primo prodotto “made in Sierra Leone” della storia.

Caro Claudio, ci racconti come ti è venuta l’idea di avviare un’azienda in questo paese travagliato? Come mai proprio la trasformazione di frutta?

A Natale 2003 sono stato per la prima volta in Sierra Leone dopo la guerra civile. Sono rimasto sconvolto dalla devastazione. Ma sono rimasto altrettanto impressionato dalla bontà e abbondanza della frutta. Manghi, ananas, papaye sono squisiti. Purtroppo i raccolti andavano in gran parte a male per l’assenza di qualsiasi sbocco sul mercato.

Ai tempi lavoravo per un’azienda di sughi pronti del gruppo La Doria di Salerno. Tra i prodotti c’erano anche i succhi di frutta. Dopo qualche mese dal mio viaggio, lo ricordo come fosse oggi, in una stazione di servizio sull’A1 ebbi una lunga telefonata con l’AD Antonio Ferraioli in cui gli esposi quello che stava diventando un chiodo fisso. Lui mi incoraggiò mettendomi in contatto con una serie di aziende produttrici di macchinari specializzati in provincia di Parma.

Quali sono stati i passi concreti per avviare l’impianto? Qual è stata la dimensione dell’investimento?

A febbraio 2008 avevo messo a punto il Business Plan ed entravo nella fase conclusiva delle trattative con due fondi per avviare l’azienda. Ma è arrivata la crisi dei sub-prime e tutto è svanito!

Fu un momento di grosso scoraggiamento. Poi però arrivò l’offerta di Tropical Fruit Machinery, un’azienda specializzata di Busseto (Parma): uno sconto sui macchinari in cambio di una quota. E subito dopo partecipai a una conferenza per la promozione degli investimenti in Sierra Leone organizzata a Londra da Tony Blair (il cui padre aveva insegnato nel paese). In questa occasione conobbi First-Step, un’organizzazione non governativa americana che in accordo con il governo stava aprendo la prima Zona Economica Speciale per l’Export poco fuori Freetown.

Grazie ad un finanziamento della cooperazione olandese abbiamo messo insieme lo stretto capitale necessario. Per farti capire la fabbrica l’abbiamo costruita con circa 300.000 dollari. Poco più di un milione per l’impianto, con una capacità produttiva di 60 tonnellate di frutta al giorno. Il capitale di giro ci è stato fornito da una banca locale.

L’impresa è stata più ardua del previsto. Spiegaci meglio

Ci fu una sorta di tempesta perfetta perché ai tempi il dollaro era debole. Ma visto che i prezzi delle materie prime erano alti la valuta locale si mantenne alta e il tasso d’interesse della banca (23%!) non veniva in alcun modo ridotto dalla svalutazione prevista. Di fatto per i primi due anni abbiamo lavorato per la banca… anche perché il prezzo del prodotto finale era ai minimi storici!

Poi sono emersi i limiti del socio USA, che si è rivelato l’anello debole della catena. Pensa che pur essendo nell’unica zona speciale per l’Export siamo ancora dipendenti dal generatore diesel visto che la fornitura della rete elettrica è molto instabile.

Raggiungere standard accettabili nella produzione è stato complesso e la prima campagna è stata molto faticosa.

Mi sono reso pienamente conto di come una guerra non causi solo causa morte e distruzioni, ma anche un arretramento relativo nel momento in cui tutti gli altri paesi a fianco crescono. La Sierra Leone era parecchio davanti ai suoi vicini (es. Guinea, Liberia) e li guardava con sufficienza fino a inizio anni ’90. Con la guerra sono scivolati al poco invidiabile ultimo posto dell’indice sviluppo umano al mondo. Ad oggi il paese è al 7° posto. Dal basso. E questo vuol dire tanta, tanta fatica nel fare qualsiasi cosa.

Per farti capire la scala delle difficoltà nel 2013 abbiamo rischiato che esplodesse il boiler a causa di piccole perdite alle tubature. Sarebbe stata una strage. Non è successo per fortuna nulla ma la campagna del mango, sei settimane intensissime, ha subito una forte riduzione a causa della manutenzione necessaria.

L’anno successivo un problema al generatore ha ancora limitato la produzione durante la principale campagna di raccolta.

Quando pensavi di averle passate tutte è arrivata Ebola. Dico bene?

Esatto! Da una parte è stato un delirio. Il General Manager americano fuggì. Ma allo stesso tempo ebbi la conferma che i dipendenti locali, pur senza la supervisione di un expat, riuscivano far andare avanti l’impianto (pur non a pieno regime).

Abbiamo esportato anche durante il picco dell’epidemia, pur con livelli assai inferiori (circa un terzo in mento) rispetto agli anni precedenti.

Per farti capire a fine 2015 alle fiere quando dicevo che lavoravo con la Sierra Leone ancora non stringevano le mani per paura del virus.

Rifaresti tutto questo?

Si, senza dubbio! Anche se lo stress della “capital rase fatigue” (hai un’idea ma non trovi soldi) è tosto. Sei l’equivalente di un mendicante, anche se ti muovi in giacca e cravatta nei palazzi della City o nei grattacieli di Manhattan. Hai idee ma non soldi, dunque vai da chi ha soldi ma non abbastanza idee.

Un errore che vorresti evitare se potessi tornare indietro nel tempo?

So che è difficile, ma sarei partito con più capitale circolante.

Cosa è stato più faticoso?

La solitudine. Di fatto sei come l’autista di un autobus in cui tutti gli altri sono passeggeri. Quando le cose vanno bene è bello (ad esempio viene a trovarti Tony Blair o il tuo nome viene inserito nella guida turistica del paese), ma anche quando vanno male (un macchinario si guasta e tonnellate di mango rischiano di marcire)!

Lì sta la differenza tra l’imprenditore e AD, che per certi versi cade sempre in piedi, perché non è mai da solo.

Servirebbe un po’ più di cultura Silicon Valley stile “ritenta sarai più fortunato”. Invece di fatto c’è un fortissimo stigma per chi fallisce, e questo mi ha portato a dover diluire molto la mia quota nell’azienda pur di salvarla.

Ad oggi cosa fai nella vita?

All’inizio di questa avventura lavoravo per un gruppo britannico di componentistica Oil & Gas come manager per il West Africa. Ho lasciato l’azienda nella primavera 2011 ma già in meno di un anno si capiva che le cose non sarebbero state facili. Sono quindi tornato proponendo di collaborare come consulente, dedicando circa il 40% del mio tempo ad Africa Felix Juice.

Dal 2016 sono tornato ad essere un dipendente. Vivo a Londra ma giro spesso sia il West Africa (soprattutto Nigeria e Ghana) che l’East Africa e il Maghreb. Diciamo che ad oggi dedico non più del 20% del mio tempo ad Africa Felix Juice. Purtroppo.

Tieni conto che, negli anni, mi sono reso conto che lo strumento efficace per gestire l’azienda a distanza è un gruppo WhatsApp con i manager locali. Più la scansione della mia firma con la banca locale per le operazioni principali.

Cosa dici a un giovane che legge questa intervista?

Nonostante le difficoltà della mia storia vorrei dire a tutti i giovani che non è impossibile andare in Africa e fare qualcosa di bello! Certo, andare in Africa per guadagnare molto di più che altrove è un mito. È un discorso ampio ma le opportunità ci sono. Indubbiamente.

Se in Italia siamo convinti che sia molto più facile fare il dipendente che l’imprenditore siamo anchilosati. Il futuro è di chi rischia! Occorre riuscire a incentivare le persone a prendersi dei rischi e a rifuggire le rendite di posizione… ma non è semplice.

Quali sono le maggiori opportunità nel comparto agroalimentare?

In West Africa, la regione che conosco meglio, vedo le maggiori opportunità in assoluto nelle filiere del pomodoro e dell’olio di palma. Poi nella sostituzione di tutto ciò che si importa (es. riso, succhi di frutta) per il mercato interno.

È fondamentale riuscire a sfruttare il potenziale, ancora grandemente inesplorato, di commercio tra i vari paesi della zona! Sopratutto tra paesi anglofoni e francofoni il commercio è scandalosamente basso!

E poi c’è tutto il discorso del food made in Africa venduto in Europa. Se confronti un succo di mango africano e quello indiano il consumatore europeo invariabilmente preferisce quello africano. Il problema è che c’è bisogno di chi ha voglia di sacrificarsi e passare tanto tempo in loco.

Dove? Direi in primis Ghana e Senegal, favoriti da stabilità politica e accesso al mare.

Un libro che ti ha motivato nell’avventura?

The End of Poverty di Jeffrey Sachs. Anche se negli anni della mia formazione l’impatto della musica di Band Aid e di USA for Africa fu enorme. Prima ancora il fascino e l’orgoglio del Camerun al mondiale del 1982: i perdenti che non persero mai!

Le foto sono tutte di Claudio.
Se ti è piaciuta questa intervista ti chiedo la cortesia di un favore: condividila sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Vadoinafrica maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi