fbpx

Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, giunto quest’anno alla 29ª edizione, è l’unico evento italiano – e uno dei tre in Europa – dedicato alla cinematografia dei continenti “altri”.

Dal 23 al 31 marzo ritorna a Milano: Nove giorni di proiezioni, eventi speciali, incontri con gli autori, dibattiti e mostre dedicate.

Un evento di incontro tra culture, che offre spunti per una visione del mondo a 360°, di cui Vadoinafrica è media partner.

Entra in VADOINAFRICA NETWORK per conoscere, connettere e creare con il continente del futuro.

9 giorni, 60 film in concorso

Gli organizzatori del festival, ideato e promosso dal COE, hanno ricevuto quest’anno le candidature di oltre 700 titoli.

In palio un montepremi da 20.000 euro oltre a diversi accordi per la distribuzione in Italia.

Tre le sezioni competitive, affiancate da diverse altre sezioni parallele:

  • Lungometraggi Finestre sul Mondo, dove concorreranno 10 fiction e documentari in anteprima nazionale;
  • Cortometraggi Africani, 1o film realizzati da registi africani emergenti;
  • Extr’A, con 22 opere di registi italiani girati nei tre continenti.

In totale verranno proposti 60 film (tra cui 1 prima europea, 2 internazionali e 3 mondiali).

Le proiezioni, che si terranno presso l’Auditorium San Fedele, lo Spazio Oberdan e l’Arcobaleno Filmcenter, sono introdotte dalla presentazione del regista o di un esperto.

Tutti i film non doppiati sono sottotitolati in italiano.

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA COMPLETO

La novità 2019: un festival per le scuole

La novità di quest’anno si chiama MiWorld Young Film Festival (MiWY): il primo festival di cinema per studenti dedicato all’educazione interculturale, realizzato in partnership con Fondazione ISMU.

Proiezioni esclusivamente dedicate alle scuole, su prenotazione e ad ingresso gratuito con l’obiettivo di coinvolgere oltre 2.500 studenti

Per info e prenotazioni: coescuola@coeweb.org

AfricaTalks: focus sull’agrotech

Durante FESCAAAL si terrà la terza edizione di AfricaTalks, evento speciale con Fondazione EDU, dedicato all’approfondimento degli aspetti dell’innovazione tecnologica nel continente.

Il tema di questa edizione è l’agrotech: l’applicazione della tecnologia all’agricoltura.

La tavola rotonda, prevista all’Auditorium San Fedele lunedì 25 marzo alle ore 18.00 vedrà la partecipazione di:

  • Awa Caba (Senegal): imprenditrice, fondatrice di Soreetul
  • James Kung’u (Kenya): ricercatore e docente universitario
  • John Kariuki (Kenya): vice-presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità
  • Hervé Pillaud (Francia): scrittore e co-fondatore Digital Africa
  • Stefano Liberti (Italia): regista, scrittore e giornalista

Ha curato e modera la tavola rotonda Elisabetta Demartis (Italia), cofondatrice di Yesaal Agrihub (incubatore agrotech a Thies, Senegal)

Per ulteriori info: www.festivalcinemaafricano.org